Лучшие итальянские сказки \/ Le migliori fiabe italiane


Лучшие итальянские сказки / Le migliori fiabe italiane

© Каминская А. И., адаптация текста, комментарии, упражнения, словарь

© ООО «Издательство АСТ», 2019

Cecino e il bue

Una donna faceva cuocere[1] dei ceci. Passò una povera e ne chiese una scodella[2] in elemosina.

– Se li do a voi, non li mangio io[3]! – disse la donna.

Allora la povera le gridò:

– Che tutti i ceci nella pentola diventino figli! – e se ne andò.

Il fuoco si spense e dalla pentola, come ceci che bollono, saltarono fuori cento bambini, piccoli come chicchi di cece e cominciarono a gridare:

– Mamma ho fame! Mamma ho sete! Mamma prendimi in collo[4]! – e a spargersi per i cassetti, i fornelli, i barattoli. La donna, spaventata, comincia a prendere questi esserini, a ficcarli nel mortaio e a schiacciarli col pestello come per farne la purea di ceci. Quando credette d’averli ammazzati tutti[5], si mise a preparare il mangiare[6] per il marito. Ma poi le venne da piangere[7], e diceva:

– Oh, ne avessi lasciato in vita almeno uno[8]; ora mi aiuterebbe, e potrebbe portare da mangiare a suo padre in bottega!

Allora sentì una vocina che diceva:

– Mamma, non piangete! – Era uno dei figlioli, che s’era nascosto dietro il manico della brocca e s’era salvato. La donna fu tutta felice:

– Oh, caro, vieni fuori, come ti chiami?

– Cecino, – disse il bambino scivolando giù per la brocca.

– Bravo il mio Cecino! – disse la donna, – ora devi andare in bottega a portare da mangiare al babbo.

Preparò il paniere e lo mise in testa a Cecino.

Cecino cominciò ad andare e si vedeva solo il paniere[9] che sembrava camminasse da solo[10]. Domandò la strada a un paio di persone e tutti prendevano spavento[11]. Così arrivò alla bottega e chiamò:

– Babbo, babbo! Vieni: ti porto da mangiare.

Suo padre pensò: “Chi mi chiama? Io non ho mai avuto figlioli!” Uscì e vide il paniere e di sotto al paniere veniva una vocina:

– Babbo, alza il paniere che mi vedrai. Sono tuo figlio Cecino, nato stamattina.

Alzò il paniere e vide Cecino.

– Bravo, Cecino! – disse il babbo, che faceva il magnano, – ora verrai con me che devo fare un giro per le case dei contadini per sentire se hanno qualcosa di rotto da accomodare.

Così il babbo si mise in tasca Cecino e andarono. Per la strada non facevano che[12] chiacchierare e la gente vedeva l’uomo che pareva parlasse da solo, e pareva fosse matto.

Chiedeva nelle case: – Avete nulla da stagnare?

– Sì, – gli risposero, – ma a voi non la diamo perché siete matto.

– Come matto? Io sono più savio di voi! Cosa dite?

– Diciamo che per la strada non fate che parlare da solo.

– Macché solo. Discorrevo con mio figlio.

– Dove l’avete questo figlio?

– In tasca.

– Ecco: cosa dicevamo? Siete matto.

– Be’, ve lo farò vedere[13], – e tirò fuori Cecino a cavallo[14] d’un suo dito.

– Oh, che bel figliolo! Mettetelo a lavorare da noi, che gli facciamo far la guardia al bue.

– Ci staresti, Cecino?

– Sì.

– E allora, ti lascio qui e passerò a riprenderti stasera.

Cecino fu messo a cavallo d’un corno del bue e pareva che il bue fosse solo. Passarono due ladri e visto il bue incustodito lo vollero rubare. Ma Cecino si mise a gridare[15]: – Padrone! Vieni, padrone!

Corse il contadino e i ladri gli chiesero: – Buon uomo, da dove viene questa voce?

– Ah, – disse il padrone. – È Cecino. Non lo vedete? È lì su un corno del bue.

I ladri guardarono Cecino e dissero al contadino:

– Se ce lo cedete per qualche giorno vi faremo diventare ricco[16], – e il contadino lo lasciò andare[17] coi ladri.

Con Cecino in tasca, i ladri andarono alla stalla del Re per rubare cavalli. La stalla era chiusa, ma Cecino passò per il buco della serratura, aprì, andò a slegare i cavalli e corse via[18] con loro nascosto nell’orecchio d’un cavallo. I ladri erano fuori ad aspettarlo, montarono sui cavalli e galopparono via a casa.

 

Arrivati a casa dissero a Cecino:

– Senti, noi siamo stanchi e andiamo a dormire. Da’ tu la biada ai cavalli.

Cecino cominciò a mettere le museruole ai cavalli, ma cascava dal sonno e finì per addormentarsi in una museruola. Il cavallo non s’accorse di lui e lo mangiò insieme alla biada.

I ladri, non vedendolo più tornare, scensero a cercarlo nella stalla.

– Cecino, dove sei?

– Sono qui, – rispose una vocina, – sono in pancia a un cavallo!

– Quale cavallo?

– Questo qui!

I ladri sbuzzarono un cavallo, ma non lo trovarono.

– Non è questo. In che cavallo sei?

– In questo! – e i ladri ne sbuzzarono un altro.

Così continuarono a sbuzzare un cavallo dopo l’altro finché non li ebbero ammazzati tutti, ma Cecino non l’avevano trovato. S’erano stancati e dissero:

– Peccato![19] l’abbiamo perso! E per di più[20] abbiamo perso tutti i cavalli! Presero le carogne, le buttarono in un prato e andarono a dormire.

Passò un lupo affamato, vide i cavalli sbuzzati e ne fece una scorpacciata. Cecino era ancora là nascosto nella pancia d’un cavallo e il lupo lo ingoiò. Quando al lupo tornò fame e si avvicinò a una capra legata in un campo, Cecino di là dentro si mise a gridare:

– Al lupo, al lupo! – finché venne il padrone della capra e fece scappare[21] il lupo.

Il lupo disse: “Come mai faccio queste voci? devo aver la pancia piena d’aria!”, e cominciò a cercare di buttar fuori l’aria. “Be’, adesso non l’avrò più, – pensò. – andrò a mangiare una pecora”.

Ma quando fu vicino alla stalla della pecora, Cecino dalla sua pancia ricominciò a gridare:

– Al lupo! Al lupo! – finché non si svegliò il padrone della pecora.

Il lupo era preoccupato. “Ho ancora quest’aria nella pancia che mi fa fare questi rumori”, – e ricominciò a cercare di buttarla fuori. Spara fuori aria, una volta, due volte, alla terza saltò fuori anche Cecino e si nascose in un cespuglio. Il lupo, sentendosi liberato, tornò verso le stalle.

Passarono tre ladri e si misero a contare i denari rubati. Uno dei ladri cominciò:

– Uno, due, tre, quattro, cinque…

E Cecino, dal cespuglio:

– Uno, due, tre, quattro, cinque…

Il ladro disse ai compagni:

– State zitti che mi confondete. Chi dice una parola l’ammazzo.

Poi riprese a contare:

– Uno, due, tre, quattro, cinque…

E Cecino:

– Uno, due, tre, quattro, cinque…

– Ah, non vuoi star zitto? – dice il ladro ad uno dei compagni. – Ora t’ammazzo!

E l’ammazza. E all’altro:

– Tu se vuoi fare la stessa fine sai come hai da fare…

E ricomincia:

– Uno, due, tre, quattro, cinque…

E Cecino ripete:

– Uno, due, tre, quattro, cinque…

– Non sono io che parlo, – disse l’altro ladro, – ti giuro, non sono io…

– Io t’ammazzo! – E l’ammazzò. – Ora sono solo, – si disse, – potrò contare i denari in pace. Uno, due, tre, quattro, cinque…

E Cecino:

– Uno, due, tre, quattro, cinque…

Al ladro si rizzarono i capelli sulla testa:

– Qui c’è qualcuno nascosto. È meglio che scappi – Scappò e lasciò lì i denari.

Cecino col sacco dei denari in testa se ne andò a casa e bussò. Sua madre aprì e vide solo il sacco di denari.

– È Cecino! – disse. Alzò il sacco e sotto c’era suo figlio e l’abbracciò.

Упражнения

1. Выберите правильный вариант:

1. Una donna faceva cuocere il riso.

2. Una donna faceva cuocere dei piselli.

3. Una donna faceva cuocere dei ceci.

2. Che cos’è una museruola?

1. Un gioiello

2. Un fiore

3. Una mordacchia

4. Un animale

3. Вставьте пропущенные слова:

1. Con Cecino in ________, i ladri andarono alla stalla del Re per rubare cavalli.

2. Cecino fu messo a cavallo d’un _______ del bue.

3. Domandò la strada a un paio di ___________ e tutti prendevano spavento.

4. Cecino col _________ dei denari in testa se ne andò a casa e bussò.

4. Выберите нужный глагол:

Passarono tre ladri e ___________ a contare i denari rubati.

1. cominciarono

2. finirono

3. si misero

4. trovarono

5. Выберите нужный предлог: di – dalla – a –in

1. Il fuoco si spense e _____ pentola, come ceci che bollono, saltarono fuori cento bambini, piccoli come chicchi ____ cece e cominciarono ___ gridare.

2. Così continuarono ____ sbuzzare un cavallo dopo l’altro finché non li ebbero ammazzati tutti.

3. Così il babbo si mise _____ tasca Cecino e andarono.

4. Preparò il paniere e lo mise _____ testa ____ Cecino.

6. Поставьте глаголы в нужную форму:

1. I ladri (essere) fuori ad aspettarlo, (montare) sui cavalli e (galoppare) via a casa.

2. La stalla (essere) chiusa, ma Cecino (passare) per il buco della serratura, (aprire), (andare) a slegare i cavalli.

3. La donna, spaventata, (cominciare) a prendere questi esserini, a ficcarli nel mortaio e a schiacciarli col pestello come per farne la purea di ceci.

4. Cecino (cominciare) a mettere le museruole ai cavalli, ma (cascare) dal sonno e (finire) per addormentarsi in una museruola.

7. Ответьте на вопросы:

1. Perché la donna non diede una scodella di ceci ad una povera?

2. Perché i ladri sbuzzarono i cavalli?

3. Dove lavorava il marito della donna?

Ответы

1. Una donna faceva cuocere dei ceci.

2. Una mordacchia

3. 1. tasca; 2. corno; 3. persone; 4. sacco;

4. si misero

5. 1. dalla, di, a; 2. a; 3. in; 4. in, a;

1faceva cuocere – варила
2ne chiese una scodella – попросила миску нута
3Se li do a voi, non li mangio io – если я вам его дам, то сама его не поем
4Mamma prendimi in collo – мама, возьми меня на ручки
5Quando credette d’averli ammazzati tutti – Когда она решила, что убила их всех
6si mise a preparare il mangiare – принялась готовить еду
7le venne da piangere – она расплакалась
8ne avessi lasciato in vita almeno uno – если бы я оставила в живых хотя бы одного
9e si vedeva solo il paniere – и виднелась только корзинка
10da solo – сама по себе, без посторонней помощи
11prendere spavento – испугаться
12non fare che – только и делать, что; не переставать
13ve lo farò vedere – я вам его покажу
14a cavallo – верхом
15si mise a gridare – начал кричать
16Se ce lo cedete per qualche giorno vi faremo diventare ricco – Если Вы нам его одолжите на несколько дней, мы Вас сделаем богатым.
17lo lasciò andare – отпустил его
18correre via – убегать, ускакать
19Peccato! – Жалко!
20per di più – более того
21fece scappare – спугнул
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16 
Рейтинг@Mail.ru